Header Ads

Non solo Busto Arsizio, al Palayamamay giocherà anche la società Powervolley Milano

Il Palayamamay di Busto Arsizio è sempre più capitale del volley: l’arena più bella della pallavolo italiana sarà teatro, nella stagione 2016/2017, non solo della partite della Unendo Yamamay, ma anche degli incontri di serie A1 SuperLega maschile del Powervolley Milano. Partite ogni domenica dunque nell’impianto di viale Gabardi, che per la prima volta apre alla pallavolo maschile e permetterà ai numerosissimi appassionati di volley di godere, in ogni week end, di un grande spettacolo sportivo. Le gare del team milanese saranno naturalmente disputate in concomitanza delle trasferte delle farfalle.

L’accordo siglato prevede collaborazioni e sinergie tra le due società, che lavoreranno per ottimizzare gli spazi e fornire nuovi servizi agli spettatori del Palayamamay. Previste anche agevolazioni per i tifosi delle due squadre.

Soddisfatto il Presidente UYBA Giuseppe Pirola: “Il Palayamamay è la casa della UYBA, della pallavolo e di tutti gli sportivi. La nostra mission è valorizzare le immense potenzialità dell’impianto e fornire alla comunità opportunità di aggregazione e divertimento sempre nuove e coinvolgenti. L’accordo con la società del Presidente Fusaro mi rende orgoglioso proprio in questa direzione: sono sicuro che i tifosi apprezzeranno e potranno riempire le tribune del Palayamamay tutte le domeniche“.

Sulla stessa lunghezza d’onda il Presidente di Powervolley Revivre Milano Lucio Fusaro: “L’accordo con una società importante come UYBA ha contribuito a creare una realtà importante nel contesto della pallavolo nazionale. Con il presidente Pirola ci siamo intesi immediatamente: entrambi infatti siamo uniti dalla stessa passione di creare qualcosa che duri nel tempo e che sia al servizio della gioventù sportiva lombarda. Quale migliore occasione un accordo fra le nostre società entrambi militanti nella massima serie e con importanti settori giovanili?”.


Ufficio Stampa UYBA – Ufficio Stampa Powervolley Milano
Foto: Get Sport Media






Nessun commento