Header Ads

Sponsorizzazioni: conoscere il reale valore di un atleta con "Brandtix Sports Index"

Sponsorizzazioni nel mondo dello Sport.
Il contratto di sponsorizzazione è definito come un "contratto sinallagmatico in base al quale lo sponsor fornisce prestazioni in denaro o in natura allo sponsorizzato, in cambio della possibilità di associare il proprio marchio o la propria immagine all'attività/al nome di quest'ultimo, al fine di trarne direttamente o indirettamente, vantaggi competitivi".
Tipicamente, gli sponsorizzati sono gli atleti sportivi; viceversa, gli sponsor sono generalmente imprese di abbigliamento, di articoli sportivi, industriali e/o di servizi, o talvolta, soggetti privati.

Quest'oggi focalizzeremo la nostra attenzione sulla sponsorizzazione dell'atleta: contratto fondamentale e avente caratteristiche peculiari e distintive rispetto alla sponsorizzazione di un team; in questa circostanza infatti, il ritorno di immagine non dipende unicamente dai risultati sportivi, ma anche dalla particolare forza comunicativa dello stesso. Altro elemento distintivo è l'inserimento di una clausola (cd. morality clause), che impegna l'atleta a tenere un comportamento eticamente e moralmente ineccepibile, anche nella vita privata, per non compromettere l'immagine dello sponsor.

In un mondo odierno sempre più digitalizzato e social, sono sempre maggiori le aziende che decidono di investire quantità ingenti di risorse monetarie per incrementare la propria brand awareness attraverso contratti di sponsorizzazione con volti noti del mondo dello sport: nei giorni scorsi vi avevamo raccontato del contratto firmato dal campione blaugrana Neymar con Nabufit, e più in generale, avevamo riportato la classifica dei primi 20 "influencer" del mondo dello sport stilata dalla nota azienda HooKit.

Tutte queste affermazioni conducono tuttavia a dei quesiti fondamentali: come fanno le aziende in cerca di notorietà e di miglioramento della propria immagine a decidere a quale atleta voler associare il proprio brand? Ossia, qual è l'elemento discriminante nella scelta fra 2 o più atleti? E soprattutto, qual è l'esatto valore dell'atleta? Quale contributo differenziale in termini di cash flow potrà egli portarmi?

Tutte domande lecite, che tuttavia oggi non sempre sono analizzate nella giusta misura da parte dei vertici dirigenziali di molte società di calcio. Il contratto di sponsorizzazione, ricordiamo infatti, essere un investimento per la società che lo pone in essere, e come tale, deve avere un "Return On Investment" positivo (ossia in soldoni, deve generare ricchezza).

Proprio a tal fine, è molto utile conoscere il "reale, ed attuale valore" di ogni singolo atleta. Tale compito viene svolto in maniera egregia da "Brandtix", società di consulenza operante nello sport business che ha l'obiettivo di fornire un quadro completo, in tempo reale, del valore degli atleti in base alle loro qualità sportive, e ai loro contributi social. Nel dettaglio, l'azienda ha elaborato lo "Brandtix Sports Index", ossia un algoritmo che come anticipato, analizza e fornisce una valutazione del brand di ogni singolo atleta, sulla base di tre parametri fondamentali:

- Sporting Performance Data ( o più semplicemente, le qualità sportive / risultati ottenuti sul campo);

- Social Media Statistics ( forza/ abilità comunicativa del giocatore). Tale aspetto è fondamentale; si pensi al caso di fuoriclasse affermati nel mondo dello sport, ma che utilizzano a mala pena i social network;

- Fan sentiment.
    Tale lavoro è di fondamentale importanza nel mondo dello sport business, consentendo come detto a società, brand, aziende sponsor di accedere a informazioni strategiche, per guidarle verso risultati di business superiori e ottenere importanti e differenziali vantaggi competitivi.

    A rafforzamento di quanto detto, è dei giorni scorsi la notizia di una importantissima partnership fra "Brandtix" e "Sport Revolution", società operante nel mondo media e della comunicazione, e leader nel mercato delle sponsorizzazioni.
    Sport Revolution, dall'alto della sua pluriennale esperienza, contribuirà a fornire a Brandtix maggiori e più dettagliate informazioni sul "true media value", di ogni atleta, contribuendo così a dare un immagine sempre più dettaglita di ogni atleta, e a rendere il suo algoritmo sempre più dettagliato e preciso.

    L'obiettivo condiviso da parte di entrambi i brand è infatti quello di aiutare le aziende che devono intraprendere contratti di sponsorizzazione  a  massimizzare il loro valore, e aiutarle nella scelta fra investimenti alternativi.

    Francesco Sottile
    Visualizza il profilo di Francesco Sottile su LinkedIn
    © Riproduzione riservata






    Nessun commento