Header Ads

Lo sport che cambia le città: l'esempio del Parco San Giuliano



11 Settembre 2016. Venezia. Parco San Giuliano. Nasce un’area immersa nel verde adatta allo sviluppo ulteriore di un obiettivo ormai noto a tutti: promuovere uno stile di vita sano attraverso la pratica sportiva.

Il percorso misura 5 km. Protagonista in positivo la FIDAL, tra le FSN più attive in questo genere di iniziative che guardano allo sportivo in senso stretto e al cittadino.
La Federazione di Via Flaminia Nuova a Roma ha preannunciato attraverso i suoi canali social l’arrivo imminente dell’inaugurazione di quest’importante zona verde dedicata allo Sport, i cui benefici sono sicuramente a medio lungo termine per i cittadini veneziani e non solo.
Fondamentale interlocutore il Comune di Venezia, che ha posto in essere un’azione concreta di riqualificazione del proprio territorio attraverso l’intervento del mondo sportivo, cogliendo una necessità latente, data dal bisogno di spazi sicuri per la pratica sportiva.

Il progetto, è stato inserito nell’ambito del “Progetto Parchi”, sviluppato su scala nazionale dalla FIDAL nella serie di iniziative facenti capo a Runcard (powered by FIDAL) e supportato dall’ANCI, dall’Agenzia Nazionale Giovani e Changing Diabetes.
Il movimento sportivo degli appassionati di corsa su strada, dei dopolavoristi, degli studenti, che vogliono vivere appieno ogni angolo urbano e extraurbano della propria Città ha incrementato la consapevolezza che gli Enti locali debbano necessariamente beneficiare e cogliere le occasioni di sviluppo proposte da queste importanti forme di partenariati con finalità pubblica.

Se l’area del Parco San Giuliano di Venezia ormai può dirsi completa e affidata alla cura dei cittadini, altri Comuni medio piccoli potrebbero cogliere al volo l’occasione di una “best practice”, che da una rivalutazione dell’assetto urbanistico e del verde comunale potrebbe comportare la realizzazione di una seria politica attiva, a tutela della salute pubblica, attraverso questi spazi aperti, che si propongono quali veri e propri servizi a domanda individuale alternativi a beneficio della collettività.

Pierpaolo Volpe
pierpaolo.volpe2012@libero.it
Visualizza il profilo di Pierpaolo Volpe su LinkedIn
© Riproduzione riservata





Nessun commento