Header Ads

Segno positivo per il bilancio del Celtic Glasgow al 30 giugno




Il primo semestre del 2016 si chiude con buone notizie per i conti del Celtic Glasgow, segnalando un ritorno all'utile di esercizio del club dopo la perdita di £ 4 milioni registrata nel 2015.

Ora il bilancio ante-imposte al 30 giugno porta con sé un segno positivo quantificabile in £ 500.000 in cui pesano in maniera significativa le plusvalenze maturate dalle cessioni di Virgil van Dijk al Southampton, Teemu Pukki al Brondby e Adam Mattews al Sunderland, che hanno permesso l'incremento della voce relativa alla vendita dei calciatori da £ 7m a £ 12m.

I costi operativi salgono del 7%, toccando quota £ 57m, per un fatturato complessivo che arriva a £ 52m, registrando una crescita del 2%.

Aumenta anche il merchandising, che comprende anche la vendita di maglie replica e che pesa a bilancio con £ 12,5m di fatturato, mentre i ricavi da media e altre attività commerciali conoscono una crescita di £ 3m se paragonati ai risultati della gestione 2014/2015 (£ 12,1m).

La situazione legata allo stadio, per il quale salgono le voci di spesa da £ 44m a £ 47m, registra un trend negativo che può essere riscontrato anche sul fronte dei ricavi dall'impianto di gioco, passati da £ 28m a £ 25,1m, e che hanno contribuito alla perdita di £ 3,9m registrata alla voce delle operations.

Il bilancio infrannuale non tiene ovviamente conto dei ricavi potenziali derivanti dalla partecipazione in Champion's League del Celtic, stimati in £ 30 milioni e considerati di “fondamentale importanza” da Peter Lawwel, a.d. del club di Glasgow, assente da due anni dalla fase a gironi della massima competizione europea per club.

“Per un club come il Celtic, che opera in un mercato in cui i diritti televisivi vengono ripartiti in misura maggiore a favore di altre squadre di altri Paesi, qualificarsi ai gironi di Champion's League è di fondamentale importanza in ottica finanziaria.” - commenta Lawwel in proposito - “I proventi derivanti dalla partecipazione consentono alla società di effettuare importanti investimenti sportivi e strutturali, permettendo al club di ottenere una visibilità e un'importanza globale tra i tifosi e gli appassionati di tutto il mondo.

Fondamentalmente il Celtic è un club di Champion's League, e le nostre infrastrutture e i nostri continui investimenti ne sono la prova concreta. In un momento in cui il calcio europeo segue una direzione che spinge i club ad assumere una dimensione elitaria, noi siamo obbligati ad essere all'avanguardia sia a livello nazionale che continentale.

Il Celtic deve occupare una posizione di livello assoluto nel calcio d'Europa e questo è un'obiettivo che io pongo come prioritario. Continuiamo a lavorare senza sosta per cercare di migliorare l'ambiente nel quale il club opera.”

Il Presidente Ian Bankier si sofferma maggiormente sulle strategie economiche e finanziarie che consentono al Celtic di tamponare la mancanza di introiti dalle competizioni europee:

“L'incremento del contributo apportato dal mercato dei giocatori, specialmente dopo due anni senza la partecipazione alla fase a gironi della Champion's League, ha permesso alla società di mantenere gli investimenti strategici e di continuare a progettare e a costruire il futuro del club.

Il consiglio direttivo è fermamente convinto che il modello finanziario adottato fornisca la stabilità necessaria per garantire e preservare una pianificazione di lungo termine. Il mercato dei calciatori assume un ruolo importante procedendo lungo questa direzione, costituendo uno dei pilastri fondamentali del modello stesso.”

Luca Paganin
Visualizza il profilo di Luca Paganin su LinkedIn
© Riproduzione riservata















Nessun commento