Header Ads

La Liga-G2 Strategic: al via i progetti di sviluppo del ticketing per gli stadi spagnoli

La Liga lancia un nuovo progetto di ticketing per i propri stadi e lo fa grazie ad un accordo con G2 Strategic, società specializzata nella gestione degli impianti e degli eventi sportivi.

Una collaborazione che nasce per avviare programmi di sviluppo finalizzati ad un triplice scopo: incremento del numero medio di spettatori negli stadi delle due serie più importanti, fidelizzazione del pubblico pagante e aumento del margine di ricavo sul singolo ingresso grazie a nuove politiche di upselling.

Nonostante il trend di crescita positivo registrato nelle ultime stagioni, con il superamento dei 14 milioni di spettatori complessivi agli eventi nel 2015/2016 e il +1,17% della stagione in corso, La Liga sceglie il supporto di G2 Strategic per avvicinare la propria media a quelle di Premier League e Bundesliga, campionati leader in Europa per presenza e coinvolgimento dei tifosi allo stadio.

“Dobbiamo aiutare ed educare i nostri club a seguire i programmi più evoluti e le strategie più efficaci per essere allineati alle migliori leghe sportive di tutto il mondo.” Le parole di Javier Tebas, Presidente della massima serie calcistica spagnola, aiutano a capire cosa ci si aspetti in Spagna da G2 e dal suo programma, che coinvolgerà un gruppo di minimo 8 e massimo 12 club che lavoreranno a stretto contatto con la società di consulenza per sviluppare piani di business specifici e dedicati.

La speranza è quella di “portare una nuova prospettiva, quella che ci serve”, puntualizza Tebas, grazie ad un lavoro deve far vedere i propri frutti già a partire dalla stagione 2018/2019.

Per l’attuazione dei piani dedicati ai club de La Liga, il Direttore Generale di G2 Strategic, Marshall Glickman, ha scelto le competenze e la professionalità di Buisan Joaquin Blazquez, consulente di spicco nello Sports & Events Marketing, che ha già collaborato con G2 per la creazione del G2 Consortium France, progetto che coinvolge in un unico protocollo i piani di sviluppo per gli impianti dei più importanti club di Francia di calcio, rugby e basket.

“Le società devono capire che la fan-base tradizionale sta diminuendo lentamente e perciò devono adattarsi alle nuove tendenze demografiche e di consumo globali.” – spiega Glickman, che conclude evidenziando che “i ricavi televisivi sono in aumento, ma non bastano da soli per la crescita dei club.”

Luca Paganin
Visualizza il profilo di Luca Paganin su LinkedIn
© Riproduzione riservata








Nessun commento