Header Ads

Analisi degli introiti tv dei primi quattro club classificati nella Premier League 2015/2016

Secondo un'indagine del Mirror, il club di Premier League che ha guadagnato di più in termini di diritti tv, attraverso il c.d. bonus,  è l'Arsenal, che grazie ad esso ha guadagnato un totale di 110 milioni di sterline. Al secondo posto di questa classifica  vi è il Manchester City con 97 milioni di sterline, mentre al terzo posto vi è  il Tottenham con 95.3 milioni. Solamente quarto invece il Leicester City campione d'Inghilterra che ha guadagnato 93.3 milioni di sterline.

Tali somme sono state ottenute avendo una base di 55.5 milioni di sterline, che spetta ad ogni club di Premier, aggiungendo per l'appunto il bonus. Il valore di esso, dipende  dal numero di partite live trasmesse per ogni club, e dal piazzamento in classifica a fine campionato.

Considerando il primo parametro, l'Arsenal è stato trasmesso in diretta 27 volte, contro le 15 volte del Leicester City. Ed è stato proprio questo fattore a permettere ai londinesi di ottenere maggiori ricavi dai diritti tv.
L'Arsenal, infatti, oltre agli iniziali 55.5 milioni, ha guadagnato 21.8 milioni di euro con le partite live, e 23.7 milioni di sterline per il secondo posto.

Mentre i blues di Ranieri, oltre ai 55.5 milioni di base, hanno percepito 12.8 milioni grazie agli eventi live, e 25 milioni di sterline grazie alla conquista del titolo.

Considerando quest'ultima somma, sorprende un po' che tra la vincitrice del campionato e la seconda classificata ci sia una differenza di solo 1.3 milioni di sterline.

Gli spurs - arrivati terzi in campionato - hanno raggiunto i 95.3 milioni di totale, grazie alla base di 55.5 milioni, aggiungendo i 17.8 milioni ottenuti grazie alle partite trasmesse in diretta, e ai 22.5 milioni di sterline conquistati con la terza piazza.

Il City, invece, ha ricavato i 97 milioni di sterline, grazia agli iniziali 55.5, più i 20.3 milioni ottenuti grazie alla trasmissione live, e i 21.2 milioni di sterline conquistati grazie al quarto posto.

Fabrizio Tarzia
Visualizza il profilo di Fabrizio Tarzia su LinkedIn
© Riproduzione riservata

Nessun commento