Header Ads

La Virtus Entella intenzionata a realizzare un nuovo centro sportivo e a ristrutturare lo stadio di Chiavari

In occasione della festa del settore giovanile della Virtus Entella, svolta presso la bocciofila della Colmata, i rappresentanti del Club e del Comune di Chiavari hanno parlato dei programmi futuri della società in merito alle infrastrutture.

Il Presidente del club ligure, Antonio Gozzi,  ha dichiarato le intenzioni di realizzare un centro sportivo, che permetta alla società di far progredire ulteriormente il club.  Ecco le parole del patron: "Il centro sportivo è il sogno più importante. Noi viviamo di settore giovanile, stiamo innalzando la qualità del nostro vivaio, ma avere una casa dove poter crescere i nostri ragazzi, seguendo la strada tracciata da tanti altri club, sarebbe importante per migliorare ancora la qualità del nostro lavoro che ha bisogno di altri step di crescita".

In merito alla ristrutturazione dello stadio comunale, Gozzi ha dichiarato: "Abbiamo già il progetto nel cassetto per portarlo già a 10 mila posti nel caso in cui dovesse arrivare qualcosa di più della serie B".

In merito all'acquisizione dell'impianto il Presidente ha risposto così: "Le due cose che fanno stare in piedi i bilanci di una società di calcio sono i vivai e gli stadi di proprietà. A Chiavari un impianto moderno, funzionale, sarebbe uno strumento di attrattiva straordinario in uno scenario magico. Pensate guardare una partita di serie A in uno stadio con una curva che guarda a Portofino, sarebbe straordinario".

Più prudente e pacato il Sindaco di Chiavari, Marco Di Capua, che ha commentato così sulla questione: "Un nuovo stadio? Potremmo studiare la questione, ma ora il problema da risolvere a breve è l’agibilità del Comunale, perché il contratto di comodato dell’area Ginocchio, quella a monte dello stadio, scade il prossimo 20 gennaio e un mancato rinnovo potrebbe creare problemi di agibilità. Questa è la nostra priorità oggi".

Fabrizio Tarzia

fabriziotarzia@gmail.com
Visualizza il profilo di Fabrizio Tarzia su LinkedIn
© Riproduzione riservata

Nessun commento