Endorsement Campioni & Sponsor - Roger Federer

A cura di Giuseppe Berardi

Intro
“Semplicemente lui non ha punti deboli. E’ davvero un piacere vederlo giocare. Per me, Roger Federer è il modello giusto per chiunque voglia diventare un giocatore di tennis. La sua esecuzione dei colpi è migliorata e dubito che esista un colpo che lui non possa fare, in qualunque parte del campo. Quando tocca a Roger, tutti i record crolleranno. Lui è un giocatore davvero completo e credo che nessuno potrà fare meglio di lui per molto tempo”
Bjorn Borg (2007)


"Sono stupito, non solo dalla bellezza del gioco di Roger, ma anche dalla consistenza delle sue vittorie nei tornei. Ancor più sorprendente è il fatto che sembra amare ciò che sta facendo e poi gestisce la pressione davvero bene. Roger è un gran campione e un ambasciatore per il nostro sport".

John McEnroe (2010)
Biografia
Roger Federer è nato a Basilea nel 1981 e cresciuto a Riehen e Münchenstein, nei dintorni della città natale. Da piccolo Roger giocava sia a tennis che a calcio, ma all’età di 12 anni decise di dedicarsi unicamente al tennis. Due anni dopo diventa campione svizzero assoluto approdando allo Swiss National Tennis Center ad Ecublens. Il giovane Federer è molto ambizioso e in svizzera si accorgono subito del talento del ragazzo e sono tanti a pensare che ha i colpi per diventare un tennista professionista. Quando Roger entra nel circuito ITF Juniores, gli bastano soli due anni per trionfare a Wimbledon e diventare il giovane più forte e promettente della sua categoria.

Nel 1998 non ancora 17enne, il campioncino svizzero approda tra i professionisti nel circuito ATP e alla fine dell’anno conquista il torneo Juniores dell'Orange Bowl a Miami.
L’anno dopo debutta in Coppa Davis contro l’Italia e conquista la semifinale all’ATP di Vienna. Nel 2000 prosegue la scalata nel ranking ATP e grazie alle finali raggiunte a Marsiglia e Basilea, Federer arriva alla 29esima posizione.

Il 2001 è un anno importante per lo svizzero, a inizio stagione conquista la Hopman Cup, in coppia con la connazionale Martina Hingis, e a febbraio arriva il suo primo titolo ATP a Milano.
Quell’anno però rimarrà indelebile nella memoria di Roger per un match dal sapore particolare. Possiamo tranquillamente affermare che non esiste un ottavo di finale così famoso quanto quello disputato sull’erba londinese di Wimbledon da Pete Sampras e Roger Federer.
Vincendo quella partita al quinto set, Federer non solo ha interrotto la striscia positiva di Sampras di 31 match vinti All England Club, ma ha sancito la fine di un’epoca e l’inizio di una nuova era: la sua! 
Un chiaro passaggio del testimone dal re di Wimbledon al principe pronto a prendersi lo scettro del più forte. Quel match resterà l’unico in un torneo ufficiale tra i due più forti tennisti sull’erba.

Pete Sampras anni dopo parlando di quell’incontro disse: “Ricordo che durante quel match capii che lui era superiore alla maggior parte degli altri tennisti. Aveva un servizio potente, colpi da fondo campo di una limpidezza cristallina e una velocità che non mi aspettavo. All'epoca era ancora alla ricerca della sua identità di tennista. Ero deluso per la sconfitta, allo stesso tempo però Roger mi aveva sorpreso e colpito”.




Alla fine del 2001 Federer raggiunge la 13esima posizione e l’anno dopo grazie al titolo vinto a Sydney, e alle finali disputate ai Master Series di Miami e Amburgo, entra nella top ten raggiungendo la sesta posizione.


Il 2003 è l’anno della consacrazione con il trionfo a Wimbledon, alla Masters Cup a Houston e in altri 5 tornei. Al termine della stagione si piazza al 2° posto nel ranking. L'anno successivo il campione di Basilea è protagonista di una delle più grandi annate nella storia del tennis moderno. Federer vince tre dei quattro Slam della stagione, perdendo solo a Parigi al Roland Garros per mano di Gustavo Kuerten. La prima posizione è stata conquistata quasi subito, a inizio stagione, col il trionfo agli Australian Open.

Federer non sembra aver rivali e a turno i vari Roddick, Safin e Hewitt si arrendono allo strapotere dello svizzero. Solo sulla terra rossa Roger incontra delle difficoltà, e a tenergli testa c’è uno giovane spagnolo di nome Rafa Nadal.

I tornei del Grande Slam vinti nel 2005 sono due: Wimbledon e US Open, mentre in Australia Federer cede in finale contro Safin e a Parigi perde in semifinale per mano di Nadal.
Nel 2006 e nel 2007 lo svizzero riesce nuovamente a vincere tre dei quattro tornei del Grande Slam, perdendo però al Roland Garros sempre in finale e sempre contro Nadal. L’anno seguente inizia per Federer un periodo negativo che ha il suo culmine nella sconfitta in Finale a Wimbledon in quattro set per mano del rivale Nadal e si ferma a 65 la striscia di vittorie consecutive sull’erba dello svizzero.
Federer riesce a vincere il suo quinto US Open consecutivo battendo Andy Murray in tre set. Nello stesso anno conquista la medaglia Olimpica a Pechino nel doppio con il connazionale Wawrinka.


Il 2009 è caratterizzato dal trionfo al Roland Garros, l’unico Slam che mancava nella bacheca di Federer. Battendo Robin Söderling lo svizzero diventa il sesto giocatore nella storia del tennis a vincere in carriera tutti e quattro i tornei del Grande Slam, eguagliando anche il record di Sampras di 14 trionfi nei Majors.
Record battuto poche settimane dopo, quando Roger trionfa per la sesta volta sull’erba ai Championship all’All England Club di Londra.
Il 2010 inizia bene per il tennista elvetico che conquista il suo 16esimo titolo del Grande Slam a Melbourne, ma sarà l’unico della stagione e viene scavalcato anche da Novak Djokovic in classifica.

Sembra l’epilogo di una carriera fantastica, costellata da record e successi. Nel 2011 Nadal e Djokovic sembrano imbattibili e Federer non vince nessun titolo dello Slam ma neanche un torneo Master 1000.
Tutti pensano ormai che il campionissimo è sul viale del tramonto, tutti tranne Federer stesso che invece sembra avere ancora tanta voglia di lottare e dire la sua. Nei primi due Slam della stagione 2012 deve arrendersi ai soliti rivali Nadal e Djokovic, ma a Wimbledon il re torna sul trono battendo in finale Andy Murray, Con la conquista del settimo titolo a Wimbledon Federer eguaglia Sampras e William Renshaw per titoli dello Slam e ritorna al primo posto della classifica ATP.


L’anno successivo, complice un infortunio, è un anno da dimenticare per Roger che raggiunge la finale a Roma e vince ad Halle sull’erba, ma sono i soli acuti dello svizzero. Che scivola dal podio del ranking per la prima volta dal 2003.
Il 2014 inizia con la notizia che Stefan Edberg entra nello staff tecnico di Federer e risulterà decisivo per il prosieguo della carriera. Non arrivano titoli del Grande Slam ma con la sua nazionale conquista la Coppa Davis.

Compensi
Roger Federer è sposato con l’ex tennista Miroslava Vavrinec (Mirka), figura molto importante e attiva nel management dell’atleta. Roger è padre di 4 figli, due coppie di gemelli e vive in Svizzera, nella piccola cittadina di Wollerau. 

Attualmente è il tennista più pagato al mondo e il 5° fra tutti gli sportivi.
Secondo la rivista economica americana Forbes, nel 2014 ha guadagnato ben 67 milioni di dollari, 40 di questi provengono dagli importanti contratti di endorsement che lo svizzero ha stipulato con brand di alto profilo.
Nella sua carriera sportiva nel circuito ATP, Federer ha guadagnato finora 90,9 milioni di dollari.
Nell'attuale stagione i premi conquistati da Federer ammontano a 2,3 milioni di dollari.


Sponsor
Roger Federer può vantare contratti molto prestigiosi con marchi di alto profilo. Il suo entourage seleziona molto accuratamente i partner a cui legare l’immagine del campione svizzero. Anche se negli ultimi anni non sono arrivati titoli del Grande Slam, molti sponsor preferiscono Federer ad altri atleti, per il suo stile e la sua eleganza. L’immagine che lo svizzero si è costruito durante la sua brillante carriera non ha eguali nel mondo del tennis.

La sua ricerca della perfezione ha fatto di Roger Federer uno dei migliori giocatori di tennis di tutti i tempi, ma al tempo stesso uno dei testimonial più ambiti.




Per quanto riguarda l’equipaggiamento tecnico e l’abbigliamento sportivo, Federer è da anni legato a Wilson e Nike. Con la multinazionale americana di abbigliamento sportivo, lo svizzero ha creato anche una linea personale usando come marchio le sue iniziali RF.

Nel 2006, anno del 4° trionfo a Wimbledon, Federer ha firmato con Wilson un contratto a vita che gli garantisce 2 milioni di dollari l'anno.

Oltre a Nike e Wilson gli attuali sponsor di Roger Federer sono :

- Rolex
- Moet & Chandon
- Jura
- CreditSuisse
- Lindt
- Mercedes-Benz
- Nationale Suisse
- Netjets
- Sunrise

La casa svizzera di orologi di lusso Rolex ha siglato con Federer un contratto della durata di dieci anni per un totale di 15 milioni di dollari.
Jura è un'azienda che produce macchine del caffè e nel 2008 ha deciso di legare la sua immagine a quella del tennista, garantendo a Roger un contratto da 16 milioni di dollari per 7 anni.
Moet & Chandon invece ha un accordo con Federer da 30 milioni di dollari per cinque anni.



Management
Nello staff di Roger Federer ricoprono un ruolo chiave Tony Godsick e Simon Kessler. Il primo è l'agente del tennista e si occupa della parte relativa all'area marketing oltre a curare i rapporti con gli sponsor, il secondo invece gestisce la comunicazione sul sito web, sui social e il fanshop.

Figure importanti nel management del tennista sono la moglie Mirka Vavrinec e la mamma Lynette che coordinano tutte le attività del campione svizzero.

Nel 2013 Federer insieme all'agente Godsick e ad altri due soci americani ha creato una start up Team8 per la gestione degli atleti.

Social Network
I social network dimostrano come Roger Federer sia un campione amato da un pubblico vastissimo in ogni angolo del pianeta, e non solo per le sue gesta in campo ma anche per il suo modo di essere. 

Parlando dei suoi fan in una intervista lo svizzero disse: "Cerco di dare loro una visione completa del mio mondo, cercando di comunicare il più possibile divertendosi. Sono tantissime e divertenti le cose che puoi leggere.”
Nonostante sia abbastanza "social", Federer ci tiene a precisare che non ne fa un uso eccessivo: "Di certo non voglio impazzire per i social network, soprattutto perché ho una vita che deve essere vissuta. Voglio passare il mio tempo con la mia famiglia e con i miei amici, e non di certo davanti ad un cellulare. Spesso la linea tra le due cose si fa sottile, ma per me non è un problema”.

Su Facebook i fan della pagina di Roger sono più di 14 milioni, mentre su twitter i follower sono oltre i 3 milioni. Su Instagram i seguaci sono 878 mila. 


Celebrity DBI – Repucom
Il Celebrity DBI è un indice globale che misura la visibilità, e la percezione del pubblico di oltre 6.500 personaggi famosi in tutto il mondo.
Realizzato da Repucom, il "Davie Brown Index" analizza, attraverso degli indicatori, la popolarità e il potenziale in termini di immagine dei personaggi famosi. In particolare il Celebrity DBI valuta il potenziale commerciale delle celebrità, analizzando 8 diverse dimensioni che sono: awareness, appeal, breakthrough, trendsetter, influence, trust, endorsement e aspiration.

La notorietà di Roger Federer nei 15 paesi analizzati è al 72%, un dato oltre la media del mercato con un picco del 75% nel target giovane-adulto (25-34 anni).

Anche il livello di gradimento del tennista (79%) è sopra la media di mercato con quasi 8 persone su dieci che lo definisce un personaggio gradevole. 

A livello globale il 75% degli intervistati crede che lo svizzero sia un personaggio che ispira fiducia. 
In paesi come l'India e l'Australia la percentuale sale al 91 e all'87 per cento. 

A livello di Endorsement il potenziale di Federer è anch'esso sopra la media. L’82% degli intervistati concorda col fatto che sia un testimonial efficace. 

Numeri e statistiche
Roger Federer attualmente al 2º posto del ranking mondiale ATP ed è stato il numero 1 per 237 settimane consecutive, dal 2 febbraio 2004 al 17 agosto 2008 (record di settimane consecutive). Ha riguadagnato la prima posizione il 6 luglio 2009, per poi perderla nuovamente il 6 giugno 2010. Con il trionfo a Wimbledon nel 2012 ha riconquistato la prima posizione, eguagliando e superando il primato di 286 settimane totali in vetta alla classifica ATP sino a quel momento detenuto da Pete Sampras arrivando a 302 settimane.

In carriera ha vinto in totale 86 titoli in singolare compresi, tra gli altri, anche 23 ATP World Tour Masters 1000 e detiene 17 tornei del Grande Slam. Le vittorie totali in carriera sono state 1030 mentre le sconfitte 233.

Con la vittoria all’ultimo Gerry Weber Open di Halle, torneo Atp 500, Federer ha raggiunto quota quindici tornei vinti sull'erba, staccando sempre di più Pete Sampras nella speciale classifica dedicata agli erbivori.

La leggenda svizzera infatti ha trionfato in 137 match sull’erba, contro appena 19 sconfitte, per una percentuale di vittoria dell’ 87,8, la migliore nell’era Open.
È uno dei sette giocatori della storia del tennis ad aver completato il Career Grand Slam (con Fred Perry, Don Budge, Roy Emerson, Rod Laver, Andre Agassi e Rafael Nadal), traguardo raggiunto il 7 giugno 2009 con la vittoria nel Roland Garros

In carriera ha inoltre conquistato due medaglie olimpiche. Ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 l'oro nel doppio in compagnia del connazionale Stanislas Wawrinka, a Londra 2012 l'argento nel singolare.
Mentre pubblichiamo la seguente monografia, Federer si trova in semifinale a Wimbledon dove sfiderà Andy Murray.


Curiosità
A 15 anni Roger Federer frequentava il Club tennistico di Ecublens e gli fu chiesto di scrivere quali fossero i suoi obiettivi sportivi. Mentre tanti, fra i suoi compagni di corso, scrivevano "diventare un tennista di professione" o "diventare uno dei migliori 100", Roger Federer scrisse: "fare irruzione nella rosa dei primi dieci e conquistare il primo posto".

Nel dicembre del 2003 Federer ha creato una fondazione, con lo scopo di aiutare i bambini disagiati, principalmente in Sud Africa.
Nel 2006 dopo esser stato promotore di un'iniziativa per aiutare le persone colpite dallo tsunami nell'Oceano Indiano è stato nominato ambasciatore dell'UNICEF.

Nel 2007, in occasione della giornata mondiale per la lotta all'AIDS, Federer ha prestato la sua immagine per un video volto a sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema della trasmissione del virus dalle madri ai neonati.

Giuseppe Berardi
berardigiuseppe@gmail.com

Nessun commento