Navigation Menu

La WTA è sempre più digital: stipulato un accordo con Tennis Channel per una copertura di 2000 match su tv e piattaforma ott


La WTA continua sulla scia dell’innovazione digitale e stipula un accordo di cinque anni – che sarà valido a partire da gennaio 2019 - con Tennis Channel, che diventerà il principale portale del tennis femminile. 

Del resto, la WTA non è nuova a questo genere di scelte, visto che già precedentemente consentiva lo streaming delle partite di doppio su Facebook e aveva stretto una partnership con iQIYI, la cosiddetta “Netflix cinese”.

Grazie al nuovo accordo, ogni anno a ricevere una copertura saranno più di 2.000 match, suddivisi tra programmazione TV e piattaforma OTT (Over The Top), denominata Tennis Channel Plus, alla quale sarà possibile abbonarsi per assistere ai match non visibili in TV. La collaborazione tra WTA e Tennis Channel darà vita a serie originali, speciali, documentari, cortometraggi, contenuti riservati ai social media e news, ovviamente. L’accordo è stato negoziato da DAZN, il partner della WTA per quanto riguarda i diritti dei media.

La necessità di fornire contenuti anche agli utenti attivi nel digital è stata ribadita dalla Presidente della WTA Micky Lawler nel corso dell'evento Hashtag Sports, svoltosi lo scorso giugno: "I fan che usufruiscono delle piattaforme digitali rappresentano una grande opportunità per tutti gli sport, perché ogni parte interessata adesso ha voce in capitolo, così come ogni atleta, e i tifosi hanno altresì il pieno controllo su cosa vogliono vedere, quando e come".

L'AD della WTA Steve Simon, a ottobre 2017, durante la conferenza stampa di fine stagione, ha spiegato che lo sport è seguito da sempre più persone e che l'età media degli spettatori è in ribasso: basti pensare che i video del WTA Network hanno totalizzato 220 milioni di visualizzazioni durante il suo primo anno di attività.

In quella stessa occasione, la Lawler ha aggiunto che le prima 40 partite di doppio trasmesse su Facebook sono state visualizzate da una platea che comprendeva tra i 700.000 e i 860.000 utenti, con il 41% degli spettatori sotto i 34 anni. Dato confermato dallo Sports Business Journal, il quale ha affermato che l'età media degli spettatori TV è scesa da 56 a 52 anni.

"Il traguardo raggiunto dai match di doppio su Facebook è ancora più prestigioso, visto che la telecronaca non era affidata a professionisti" - ha commentato inoltre la Lawler, sottolineando anche l'importanza, per il mercato dei diritti dei media in ambito sportivo, di piattaforme come Facebook e Amazon, che sono già diventate in qualche modo competitor delle emittenti tradizionali.

Fuori dagli Stati Uniti, beIN Sport resta la principale detentrice dei diritti per i matche della WTA, mentre il Qatari network collaborerà con Tennis Channel sulla cross-promotion, come stabilito dall'accordo tra quest'ultima e la WTA.

Il Presidente di Tennis Channel Ken Solomon ha dichiarato che il movimento femminile è ciò che fa davvero la differenza tra il tennis e gli altri sport ed è uno degli elementi imprescindibili per l'aumento degli spettatori online, motivo per cui, in futuro, sarà assolutamente necessario puntarvi attraverso una fitta rete di canali di diffusione, nell'ottica di far crescere l'interesse per questo sport che regala tante emozioni ai suoi tifosi.

Marta Grima

0 commenti: