Header Ads

I conti 2014/15 del Bournemouth con la sanzione per il Fair Play Finanziario della “Football League”.

La società “AFC Bournemouth Limited”, cui fa capo il club di calcio inglese “AFC Bournemouth”, che ha partecipato alla Championship 2014/2015, acquisendo il diritto a partecipare alla Premier League 2015/16, ha chiuso il bilancio al 31 luglio 2015 con una perdita di d'esercizio pari a £ 38.327.925 (circa € 54,6 milioni Euro, ad un cambio al 31/07/2015 di 1£ = € 1,4264), che fa seguito ad una perdita, registrata nel 2013/14 di £ 10.337.068.
Il risultato netto dell’esercizio 2014/15 dipende principalmente dai maggiori costi del personale, maggiori ammortamenti, la pena di fair play finanziario e altri oneri eccezionali, e dall’assenza di profitto derivante dalle cessione di calciatori

Nel corso dell'esercizio 2014/15, “AFC Bournemouth Limited”, in conformità con le regole del Fair Play Finanziario della “Football League”, ha subito una sanzione di £ 7,6 milioni. Tale importo è stato allocato tra le spese straordinarie.

Il club ha visto un incremento del fatturato da £ 10,1 milioni nel 2013/14 a £ 12,9 milioni nel 2014/15.

Dal punto di vista sportivo, durante la stagione sportiva 2014/15, il club di calcio inglese Bournemouth, al secondo anno di partecipazione al campionato di “Football League Championship”, ha vinto la medesima competizione, conquistando il primo posto con 90 punti, acquisendo il diritto a partecipare alla Premier League 2015/16.

Il Gruppo di appartenenza.

La società controllante è “A.FC.B. Enterprises Limited”, società registrata nelle “The British Virgin Islands”. Tale società, a sua volta, è controllata da “Fortina Enterprises Limited”, registrata nelle “The British Virgin Islands”.
Nel novembre 2015 la società controllante, A.FC.B Enterprises Limited, ha trasferito una quota del 25% alla società “Peake6 Football Holdings LLC”.

La continuità aziendale.

La società dipende dal sostegno finanziario della società controllante.
Gli amministratori hanno considerato appropriato adottare il principio della continuità aziendale nella redazione del bilancio.
In riferimento alla continuità aziendale, la società “AFC Bournemouth Limited” dipende dal continuo supporto finanziario della società controllante e dal controllore di ultima istanza “Fortina Enterprises Limited”, che si sono impegnate a fornire sostegno finanziario alla società per almeno 12 mesi dalla approvazione del bilancio.
Di conseguenza, gli amministratori hanno preparato i conti sulla base della continuità aziendale.

Le immobilizzazioni materiali.

Il valore contabile netto delle immobilizzazioni materiali è di £ 7.718.408. Nel 2013/14 il valore contabile netto delle immobilizzazioni materiali era pari a £ 3.687.573.
La voce migliorie su terreni e fabbricati in leasing mostra un valore contabile netto di £ 6.886.378. La voce impianti e macchinari presenta un valore contabile netto di £ 104.251.

Gli investimenti in immobilizzazioni materiali, pari a £ 4,6 milioni (2014: £ 1.3m), riguardano principalmente, migliorie su beni in leasing, come lo stadio “Dean Court”.
Il club ha venduto lo stadio nel dicembre 2005 in un accordo di “leaseback” con la società di immobiliare di Londra Structadene.
Lo stadio di “Dean Court” è uno stadio piccolo con una capacità di 11.464 spettatori.

Il Valore della Rosa.

Il Valore contabile netto della Rosa è aumentato da £ 7,5 milioni a £ 16,9 milioni. La variazione è dipesa da acquisti per £ 13,2 milioni, ammortamenti per £ 3,66 milioni e cessioni per un valore contabile netto di £ 188 mila.



Il Patrimonio Netto.

Il Patrimonio Netto è negativo per £ 47,3 milioni. Nel 2013/14 era negativo per £ 15,1 milioni. La variazione è dovuta alla perdita dell’esercizio, pari a £ 38,3 milioni e a vari aumenti di capitale. Il capitale sociale è aumentato da £ 14.960.000 a £ 21.110.004. Il capitale sociale è composto da n. 20.860 azioni privilegiate del valore nominale di £ 1.000; da n. 125.002 azioni ordinarie di tipo A del valore nominale di £ 1 e da n. 125.002 azioni ordinarie di tipo B del valore nominale di £ 1.
Il 19 settembre 2014, la società ha emesso 1.600 azioni privilegiate del valore nominale di £ 1.000 ciascuna per un importo complessivo di £ 1.600.000, regolato in contanti.
Il 17 ottobre 2014, la società ha emesso 1.800 azioni privilegiate del valore nominale di £ 1.000 ciascuna per un importo complessivo di £ 1.800 000, regolato in contanti.
In data 11 novembre 2014, la società ha emesso 1.000 azioni privilegiate del valore nominale di £ 1.000 ciascuno per un corrispettivo di £ 1.000.000, regolato in contanti.
Il 23 dicembre 2014, la società ha emesso 300 azioni privilegiate del valore nominale di £ 1.000 ciascuna per un importo complessivo di £ 300.000, regolato in contanti.
Il 13 gennaio 2015, la società ha emesso 1.450 azioni privilegiate del valore nominale di £ 1.000 ciascuna per un importo complessivo di £ 1.450.000, regolato in contanti..
Le azioni ordinarie azioni A e B ordinarie pari grado a tutti gli effetti.
Le azioni privilegiate danno diritto a ricevere avviso di tutte le assemblee generali, ma non danno diritto a partecipare o votare alle assemblee generali o alla partecipazione agli utili o patrimonio della società. Alla liquidazione o in caso di rimborso del capitale, i titolari di azioni privilegiate hanno diritto al rimborso del capitale versato in tali azioni. Questo pagamento sarà effettuato in via prioritaria ai titolari di azioni A ordinarie o azioni B ordinarie.



L’indebitamento Finanziario Netto.

L’indebitamento finanziario netto pari a £ 40,6 milioni, risulta in aumento di £ 19,1 milioni rispetto al valore di £ 21,5 milioni del 2013/14.



I debiti finanziari entro l’esercizio successivo, pari a £7.300.000, riguardano un prestito non garantito e rimborsabile su richiesta di A.FC.B Enterprises Limited.
Gli altri debiti finanziari oltre l’esercizio successivo, pari a £34,689,276 (2014: £17,124,276), riguardano un prestito con scadenza 13 febbraio 2018 di A.FC.B Enterprises Limited

Il Rendiconto Finanziario.

La variazione delle disponibilità liquide è stata negativa per £ 2.131.394. Tale variazione è dipesa da flussi di cassa negativi generati dall’attività operativa per £ 16.725.897; da flussi di cassa negativi generati dal servizio di finanza per £ 115.305; da flussi di cassa negativi generati dall’attività di investimento (CAPEX) per £ 8.440.192 e da flussi di cassa positivi generati dall’attività di finanziamento per £ 23.150.000, dovuti anche all’aumento di capitale.

Il Fatturato.

Il Fatturato è stato pari a £ 12,8 milioni, e risulta in aumento di £ 2,77 milioni, rispetto all’esercizio precedente. Quindi, c'è stato un aumento del 27,5%.



Il Costo del Personale.

Il costo del personale ammonta a £ 30,4 milioni, nel 2013/14 era pari a £ 17,3 milioni. L’incremento rispetto all’esercizio precedente è stato del 75,5%. Il costo del personale include i premi per la promozione del club di Premier League e, pertanto, supera di molto il fatturato netto.
La media dei dipendenti è aumentata da 389 unità a 451 unità. Il personale impiegato temporaneamente nei “match day” è aumentato da 240 a 294.

Gli altri costi operativi.

Gli altri costi operativi hanno registrato un incremento da £ 5,97 milioni a £ 7,49 milioni.
Gli altri ammortamenti aumentano da £ 475 mila a £ 590 mila.
La gestione straordinaria include il pagamento della sanzione per il Fair Play Finanziario della Fooball League per £ 7.615.000 e il pagamento ad ex azionisti per £ 2 milioni a seguito della promozione del club di Premier League.

Il Player Trading.

Il risultato complessivo del Player Trading è negativo.
Il risultato economico della gestione dei trasferimenti dei calciatori è negativo per £ 187.928; nel 2013/14 era positivo per 6.854.294.
Gli ammortamenti calciatori sono stati pari a £ 3.660.743.

La Gestione finanziaria.

La gestione finanziaria è negativa per £ 115 mila. Nel 2013/14 era negativa per circa £ 131 mila. Gli oneri finanziari ammontano a £ 125.761 (£ 131.258 nel 2013/14).

Conclusioni.

La Promozione in Premier League per la stagione sportiva 2015/16, certamente, comporterà un aumento esponenziale del fatturato.

Il consolidamento del successo sportivo resta un fattore di rischio chiave per il Bournemouth e l’aver conseguito il diritto alla permanenza in Premiership, per la stagione 2016/17, potrebbe determinare un miglioramento dei conti verso l’equilibrio economico.

Luca Marotta





Nessun commento