Header Ads

Nasce la linea di abbigliamento Pull&Bear creata in collaborazione con Marq Marquez

Il pentacampione della MotoGP Marc Màrquez presenta la sua nuova linea di abbigliamento creata in collaborazione con Pull&Bear, celebre marchio di moda giovanile del gruppo galiziano Inditex, già partner del numero #93 di Repsol Honda.

La collezione, chiamata commercialmente Marc Màrquez x Pull&Bear, è stata presentata al #MM93Fanday, evento tenutosi lo scorso giovedi 30 marzo a Madrid in presenza di migliaia di fans ansiosi di vedere in prima persona il campione in carica della massima classe del motomondiale, nonché di diversi influencers spagnoli.


Pull&Bear conferma ancora una volta la propria affinità alla MotoGP, sport nel quale oltre a collaborare con Marquez è presente in qualità di Official Sponsor di Aspar, team che vede tra le proprie fila i piloti Alvaro Bautista e Karel Abraham.

“Il coinvolgimento con il brand è stato alto” - le prime parole di Marquez all'evento di presentazione. “Abbiamo fatto un primo incontro in cui sono state buttate sul tavolo le idee e poi è partito un processo di lavoro intenso. Volevo che fosse qualcosa di personale, che ogni maglia avesse un significato particolare”.

E infatti gli abiti progettati dal rider di Cervera e dai creativi di Pull&Bear hanno un significato particolare per il giovane campione, essendo ispirati ai momenti più importanti della vita e della carriera di Marquez, come “l'immagine di quando ho tagliato il traguardo a Valencia nel 2013, il mio primo titolo in MotoGP, o quella con la mia prima moto di quando ero bambino”.


La collaborazione tra Marquez e Pull&Bear non si limita solo alla vendita della collezione nei canali retail del marchio, ma si espande attraverso una serie di iniziative come concorsi a premi legati agli acquisti online e al coinvolgimento sui social, grazie ai quali i fans avranno l'occasione di vincere abbigliamento, ingressi al Paddock e versioni replica del casco del campione della MotoGP.

Luca Paganin 
Visualizza il profilo di Luca Paganin su LinkedIn
© Riproduzione riservata

Nessun commento