Header Ads

Poste Italiane nuovo top sponsor della nazionale Italiana di calcio


La società che si occupa della gestione del servizio postale in Italia è il nuovo top sponsor della nazionale di calcio fino al 2018, periodo nel quale si disputerà il campionato mondiale in Russia. 

La partnership con la Nazionale Italiana si inserisce nel piano delle attività che Poste Italiane definisce ogni anno a sostegno del Paese, con particolare riguardo alla presenza territoriale, alle attività culturali e sportive capaci di promuovere, soprattutto tra i giovani, i valori dell’integrazione, lo spirito di squadra e la lealtà nella competizione.   

Michele Uva ha così commentato:” Siamo onorati di coinvolgere un brand prestigioso come Poste Italiane nel progetto di sviluppo del calcio italiano che certamente ha nelle Nazionali la sua massima espressione sportiva. E’ un bel connubio, ci accomunano molti elementi: prestigio, riconoscibilità, affidabilità, radicamento sul territorio: non a caso l’ufficio postale e il campo di calcio sono ovunque due luoghi di riferimento per il cittadino in grado di offrire rilevanti servizi sociali. Il sostegno di Poste Italiane costituisce per la FIGC un ulteriore elemento di motivazione per raggiungere nuovi traguardi che siano funzionali allo sviluppo dei nostri programmi.” 

Matteo Del Fante, amministratore delegato di Poste Italiane, ha aggiunto:” la sponsorizzazione della Nazionale Italiana offre visibilità ai valori che ispirano il nostro operato: dalla capacità di fare squadra alla lealtà nella competizione, dall’attaccamento ai colori al senso di appartenenza, che da sempre ci uniscono nell’obiettivo di formare eccellenze che siano motivo di orgoglio per tutti gli italiani. Ogni giorno accogliamo nei nostri uffici postali 1 milione e mezzo di italiani, numero che equivale ai tesserati FIGC. Vogliamo dare un'iniezione di fiducia e passarvi tutta la nostra energia, la stessa che mettiamo ogni giorno per servire i nostri clienti in tutta Italia”.

Domenico Abiusi 
Visualizza il profilo di Domenico Abiusi su LinkedIn
© Riproduzione riservata

Nessun commento