Navigation Menu

Le linee guida del Tribunale Arbitrale del Basket per le dispute contrattuali


Il Tribunale Arbitrale del Basket (BAT), l’organo indipendente riconosciuto ufficialmente da FIBA, che rappresenta l’ente decisionale per le dispute tra giocatori, agenti, coach e club i arbitrato, ha pubblicato un set di guidelines sulla situazione legata al COVID-19.

Data la circostanza straordinaria causata dalla corrente pandemia del coronavirus ed al fine di garantire una maggiore certezza legale alla comunità del basket, le Guidelines sono state emesse dal Presidente del BAT, Ulrich Haas, dal Vice Presidente Raj Parker, e da tutti i giudici arbitrali del BAT. Sono state pensate per fornire agli attuali e potenziali utenti BAT una direzione nelle loro operazioni, e per aiutare a facilitare accordi amichevoli nella comunità del basket.

Le Guidelines per il COVID-19 fornite dal Tribunale Arbitrale del Basket, possono essere visualizzate cliccando qui

Come tribunale arbitrale indipendente che ha giudicato più di 1500 casi nell’ultima decade, il BAT deciderà sui casi di dispute finanziarie che emergano da contratti che includono una clausola BAT. 
FIBA non è una parte in questi contratti o nelle dispute, e il suo ruolo è limitato ad assicurare che i risarcimenti decisi dal BAT vengano onorati dalle parti.

Secondo il BAT, è giusto che l’obbligo del club di pagare i salari durante il periodo del Lockdown sia soggetto ad una generale riduzione come segue:

- Riduzione tra 0-20% per gli stipendi mensili fino a 2,500€

- Su ogni € che eccede i 2,500/mese, riduzione del 50% come punto di partenza, che può essere spostato in basso o in alto secondo una serie di condizioni.

FIBA si augura che tutti i giocatori, allenatori, agenti e club riconoscano le circostanze unite che stiamo affrontando ora e raggiungano accordi con concessioni reciproche nella misura possibile. 

È importante, specialmente in questo momento, cercare in tutti i modi di esplorare la possibilità di un accordo amichevole prima di fare ricorso al BAT o ad ogni altra corte.

0 commenti: