Header Ads

Brand Finance: il Manchester United è il club col brand di maggior valore al mondo.

Terminati da poco meno di un mese i campionati nazionali di calcio, è tempo di bilanci per i club. Dopo avere nei giorni scorsi parlato dell’analisi condotta da KPMG che misurava il valore d’impresa dei principali club europei (analisi effettuata con il metodo dei multipli che prendeva in considerazione i seguenti parametri: la redditività, la popolarità, il potenziale sportivo, i diritti tv, e la proprietà dello stadio), oggi prendiamo in considerazione il report fornitoci da Brand Finance, società leader mondiale nella valutazione e strategie d’impresa, la quale ha stilato una classifica dei 50 migliori club per valore e rating. 

La stessa compagnia definisce il “Brand” di una società come un asset immateriale, che include, ma non limita, il nome, i termini, le condizioni, i segni distintivi, i simboli, il logo, il design, o una combinazione di essi, destinati a identificare beni, servizi, o una combinazione di essi, creando un immagine distintiva e un’associazione nella mente degli stakeholders , in modo tale da generare valore. La valutazione dei brand calcistici è stata effettuata prendendo in considerazione diversi parametri, fra cui il Brand Strength Index (BSI), indice che prende in considerazione gli investimenti fatti dalla società nelle attività di marketing, e il valore dell’avviamento della stessa (popolarità) nei confronti dei propri stakeholders. In aggiunta, sono state prese in considerazione le principali “Brand revenues”, ossia i proventi da match day, quelli commerciali, quelli derivanti dai broadcasting, e dalle principali attività di sponsorship.

Il Manchester United è il club calcistico col brand di maggior valore al mondo, trovandosi al vertice di questa speciale classifica con un valore di 1.077 milioni di Euro. Il report spiega come alla base di questa valutazione hanno pesato (in maniera positiva) il nuovo contratto di diritti tv che entrerà in vigore dal prossimo anno in Premier, la grande popolarità goduta dal club in Cina e America, e l’importantissimo contratto di sponsorizzazione tecnica stipulato con Adidas, di un valore pari a 94 milioni di euro annui. Il report tuttavia segnala come quest’anno la squadra non sia riuscita ad ottenere la qualificazione alla prossima Champions League, avendo terminato il campionato in quinta posizione alle spalle dei cugini del City. 

Se da un lato quest’ultimo aspetto è certamente negativo dal punto di vista sportivo, è da segnalare la grande popolarità di cui gode il club, indipendentemente dai risultati sportivi ottenuti sul campo, dato che certifica il legame indissolubile con i tifosi, e la forza del club. Al secondo posto si colloca il Real Madrid, con un valore di 1.056 milioni di Euro (minimo dunque il distacco dal primo posto, appena 22 mln). La stagione è senza dubbio da considerarsi positiva, vista la conquista dell’undicesima Champions League a Milano, e il secondo posto ottenuto in campionato. Eccellenti anche i risultati commerciali, e l’importante sponsorizzazione tecnica con adidas, per un valore di 140 milioni annui. Sulla valutazione incide in maniera negativa l’episodio sfavorevole avvenuto in Coppa del Re, quando l’ormai ex allenatore Benitez, poi esonerato, ha schierato un giocatore squalificato; episodio che è costata l’uscita prematura dalla competizione. Nel gradino più basso del podio si trova il Barcellona, con un valore di 914 milioni di Euro. Anche la stagione dei blaugrana è positiva (nonostante la sconfitta nei quarti di finale di Champions subita contro l’Atletico Madrid di Simeone), vista la conquista della Liga e della Coppa del Re; ottimi anche i risultati commerciali. Il Barcellona può inoltre vantare di essere attualmente il club con la sponsorizzazione tecnica più alta del mondo, visto il nuovo contratto siglato con Nike di un valore di 150 milioni annui.


Nei primi 10 posti troviamo altre 5 inglesi: sono il Manchester City (quarto, con 833 mln), Arsenal (settimo con 790 mln), Chelsea (ottavo con 714 mln), Liverpool ( nono con 688 mln), e Tottenham (decimo con 406 mln). Completano la top 10 il Bayer Monaco quinto con un valore di brand di 833 milioni di Euro, e il PSG con un valore di 729. Evidente è dunque il dominio delle inglesi in questa speciale classifica, con ben 18 club nei primi 50 posti; molteplici sono le cause, non solo il nuovo contratto di diritti tv siglato dalla lega, ma anche l’importanza delle infrastrutture moderne, la forza commerciale, la popolarità di cui gode il campionato. A testimonianza di questo, il valore proveniente dalle squadre inglesi rappresentano da sole circa il 48% del totale aggregato. Molto distanti sono le squadre spagnole (19% del totale), e tedesche (16%), e francesi (8%). Squadre italiane ultime in questa particolare classifica (6% del totale aggregato), con sole 5 squadre nelle prime 50 (la prima italiana è la Juventus, arrivata “solamente” undicesima, con un valore del brand di 264 milioni), e tre nelle prime 20 (completano il Milan quattordicesimo con 191 milioni, e l’Inter ventesima con 191).



In aggiunta, è doveroso segnalare i club che nell’ultima stagione hanno fatto registrare i tassi di crescita più alti in questa speciale classifica. Guida la classifica il sorprendente Leicester di Claudio Ranieri (+ 182%), riuscito a laurearsi incredibilmente campione d’Inghilterra, con un valore di 218 milioni di Euro (nel 2015 il brand valeva 77 milioni); gli ottimi quanto inaspettati risultati sul campo, la grande simpatia conquistata dai tifosi di tutto il mondo, la storia di un club che solo 3 anni fa disputava la Championship sono tuti fattori che hanno fatto lievitare in maniera esponenziale il valore del club. Al secondo posto il Borussia Mönchengladbach con un valore di 159 mln di Euro (+144%), protagonista di una stagione molto importante anche dal punto di vista del gioco proposto, ultimata con la conquista della qualificazione alla prossima Champions League. Al terzo posto l’Atletico Madrid di Simeone con un valore di 245 milioni (+ 115%), club che negli ultimi anni si sta confermando fra i migliori a livello europeo, e che ha terminato la stagione al terzo posto in Liga, e secondo in Champions League.

In ultimo, l’analisi sviluppata da Brand Finance prende in considerazione anche il valore dei brand dei principali sponsor tecnici europei. Nike domina questa speciale classifica, con un valore stimato di 28 miliardi di dollari, seguono Adidas ( 7.1 miliardi di dollari), e Puma (1.8 miliardi di dollari).

Francesco Sottile
Visualizza il profilo di Francesco Sottile su LinkedIn
© Riproduzione riservata

Nessun commento