Header Ads

La Reggiana Calcio esprime il proprio disappunto sui costi del canone d'affitto del Mapei Stadium

Con una conferenza stampa dai toni accesi e un comunicato ufficiale sul proprio sito internet, la Reggiana Calcio, attraverso il proprio Presidente, Mike Piazza, ha pubblicamente dichiarato che la situazione legata al canone d'affitto del Mapei Stadium è giunta ad un punto di non ritorno. Di seguito il testo del comunicato:

"Reggiana Calcio comunica che, non intende continuare ad essere in balia delle decisioni di soggetti terzi, senza avere la possibilità di poter costruire un futuro stabile in un luogo definitivo. Dopo la molta attenzione dedicata dagli organi d’informazione in merito alla vicenda stadio, intende puntualizzare quanto segue:

A.C. Reggiana 1919 S.p.A. non ha ad oggi la possibilità di effettuare la rifinitura settimanale od allenamento a porte chiuse. Ci viene assicurato l’utilizzo dello stadio solamente per le partite ufficiali avendo la possibilità di utilizzarlo solamente nei giorni delle gare ufficiali.

A partire dal giugno 2016, cioè da quando la famiglia Piazza ha acquisito la maggioranza delle quote di Reggiana Calcio, la società proprietaria dello stadio ha raddoppiato il costo per l’utilizzo dell’impianto. Reggiana Calcio ribadisce è costretta a sostenere per il regolare svolgimento delle gare casalinghe oneri ulteriori per oltre € 230.000,00, che si vanno ad aggiungere ad un costo d’affitto dell’impianto che risulta addirittura maggiore.

A.C. Reggiana 1919 S.p.A. ad oggi non ha mai ricevuto una rendicontazione puntuale e precisa dei costi relativi ai servizi e non e ha mai potuto prendere visione. Ad oggi Reggiana Calcio si trova nella posizione di averli subiti.

Appare alquanto sorprendente che un’azienda delle dimensioni della Mapei voglia lucrare sull’incasso dei punti ristoro in occasione delle partite casalinghe di Reggiana Calcio. Questo mancato ricavo per Reggiana è un’ulteriore aggravio nella gestione dello stadio, distraendo a Reggiana possibili incassi che potrebbero essere riutilizzati dalla società Reggiana Calcio.

Abbiamo deciso di esporre in modo pubblico e con la massima trasparenza questi concetti, ribadendo che l’attuale contratto d’affitto comporta per la società stessa molti svantaggi e che questi si riflettono negativamente sulle attività che si debbono realizzare per una corretta gestione.

Crediamo fermamente che la nostra priorità debba essere quella di concentrarci su quanto accade sul campo da gioco, e di garantire un futuro solido e stabile alla società, sostenuti da una città intera".

In merito a tale problema si è espresso anche il Sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, che durante una trasmissione locale, ha dichiarato di non condividere i toni e i modi con cui Mike Piazza ha espresso il suo disappunto. Inoltre Vecchi ha detto che per risolvere il problema è necessario che la dirigenza del club emiliano si presenti anche in modi più "professionali", considerando che negli ultimi incontri avvenuti in Comune, la dirigenza si è presentata ogni volta con un soggetto diverso che esprimeva concetti diversi dal precedente interlocutore.

Infine il Sindaco ha più volte detto che in base ai suoi contatti con la dirigenza del Sassuolo, c'è massima disponibilità da parte del club nero-verde per discutere della questione con la Reggiana, dato che lo stesso club della Mapei sa che è buona cosa e giusta che l'unico club di Reggio Emilia possa giocare nell'impianto principale della città, soprattutto se si considera che lo stadio venne costruito dallo stesso club granata.

Fabrizio Tarzia

fabriziotarzia@gmail.com
Visualizza il profilo di Fabrizio Tarzia su LinkedIn
© Riproduzione riservata

Nessun commento